Mese: luglio 2014

Chiusura estiva della sede

Buone ferie

Con l’avvicinarsi di agosto, il Movimento 5 Stelle Seveso ha deciso di sospendere le riunioni settimanali fino a lunedì 1 settembre.

Ovviamente, durante questo periodo di stop, i gruppi di lavoro continueranno a portare avanti i loro progetti ed a seguire da vicino tutto ciò che riguarda la nostra cittadina.

Auguriamo a tutti coloro che partiranno delle buone vacanze ed invece delle buone ferie a chi resterà in quel di Seveso.

Appuntamento dunque a lunedì 1 settembre augurandoci, alla ripartenza, di vedere sempre più cittadini attivi partecipare alle nostre riunioni.

Facebooktwittergoogle_plustumblrby feather

Puliamo Seveso, grazie a tutti!

Una miscellanea di emozioni è quella che ha caratterizzato la mattinata di domenica 6 luglio che ha visto gli attivisti del locale Movimento 5 stelle, con la collaborazione di alcuni cittadini, ripulire una zona della loro cittadina. Sensazioni positive come appartenenza ad una comunità, voglia di riscatto per il proprio territorio, volontà di trasmettere ai più piccoli valori positivi, fanno da contraltare ad emozioni negative come la frustrazione, quella di vedere che a distanza di una anno dal precedente evento la zona è continuamente bersaglio di scarichi abusivi di ogni tipo di materiale.

Vernici

Se da un lato non ci si stupisce più di trovare mozziconi di sigarette, bottiglie di vetro e lattine, dall’altro non si comprende perchè, sacchetti di indefferenziata, di pannolini, e sfalci di verde non siano regolarmente e gratuitamente consegnati presso la piattaforma ecologica distante solo poche centinaia di metri. Fa poi rabbia trovare elettrodomestici abbandonati e si rimane stupiti dal ritrovamento della carcassa di uno scooter, ma si rimane assolutamente basiti dalla quantità di lastre di eternit rinvenute tra via della Roggia e via Socrate.

ETERNIT!!!!

Inutile sottolineare che si parla di rifiuti cancerogeni, pericolosissimi per la salute, e soggetti a particolari procedure di smaltimento; procedure che, evidentemente, qualcuno ha pensato bene di evitarsi scaricando questo tipo di rifiuti sul territorio Sevesino. Qui non si parla più di semplice inciviltà, questo è un reato a tutti gli effetti, e ci auguriamo che quest’opera di denuncia serva a puntare i riflettori su quella zona ed invitiamo tutti i cittadini, se mai dovessero notare movimenti sospetti, a segnalarli alle autorità competenti.

Gli attivisti del Movimento 5 stelle Seveso ringraziano chi si è unito a loro in questa opera di pulizia e i residenti della zona che si sono avvicinati a loro complimentandosi per l’iniziativa.

Puliamo Seveso02

Facebooktwittergoogle_plustumblrby feather

La farmacia deve rimanere comunale

E’ notizia certa di questi giorni con la recente pubblicazione del bando di gara che il Comune di Seveso vuole affidare a terzi per i prossimi 25 anni la gestione in concessione dell’unica farmacia comunale.

Questa soluzione può servire a dare un po’ di ossigeno alle disastrate casse comunali, ma a nostro parere solamente e miopemente nel breve periodo, intascando la cifra stimata per l’avviamento (308.550 euro) e il netto tra le rimanenze di magazzino, il Tfr da liquidare ai dipendenti e il valore dei cespiti. Ma se analizziamo questa soluzione nel lungo periodo, siamo sicuri che il canone di concessione (base di gara fissata a 25.058 euro l’anno, il cui valore attualizzato per 25 anni diventa pari a 449.428,81 euro) porterà un reale beneficio? E’ risaputo che ovunque le farmacie sono una risorsa e aprire o rilevare un’attività del genere è di solito molto difficoltoso e impegnativo, alla stregua, con le dovute proporzioni, dell’acquisto di una licenza Taxi a Milano.

Perciò al Comune di Seveso poniamo prima di tutto una semplice domanda: è stata mai presa seriamente in considerazione una procedura di risanamento e di razionalizzazione dell’attività della farmacia comunale in vista di un suo rilancio produttivo? La domanda sorge spontanea in quanto, analizzando il conto economico dell’ultimo anno fiscale (2013) e pur in presenza di un calo del fatturato, il margine commerciale (ricavi meno costo del venduto / ricavi) si attesta su un buon 23,60%; mentre se consideriamo il fatto che l’ammontare degli ammortamenti sia su migliorie sia su beni di terzi (ammortamento dilazionato secondo la durata del contratto di locazione) sia sugli arredamenti (ammortamento del 12%) sono stati calcolati per l’ultimo anno fiscale al 31 dicembre 2013, l’indice Ros (Ebit/fatturato) raggiungerebbe un buon 2,32% cioò un valore che permetterebbe tranquillamente alla farmacia di chiudere con un bilancio positivo.
Inoltre, simulando un’inversione di tendenza del fatturato (con un minimo di strategia di marketing non sarebbe un’utopia), ad un incremento minimo di circa 200 mila euro negli anni a venire (a parità di spese per il personale, prestazioni di servizi e spese generali, mantenendo lo stesso margine commerciale del 23,60% e considerando i cespiti completamente ammortizzati) corrisponderebbe un indice Ros addirittura superiore al 5,78% con la conseguenza che la farmacia avrebbe un utile dopo le imposte doppio rispetto alla base di gara fissata dal Comune per il canone di concessione.

Se alle fredde cifre aggiungiamo anche una panoramica sul contesto generale, la scelta di questa amministrazione diventa ancora meno comprensibile: la farmacia comunale è moderna e accogliente, in posizione strategica e dotata di sufficiente spazio di parcheggio che può invogliare alla sosta. Le farmacie private presenti sul nostro territorio sono ben distribuite (non nelle immediate vicinanze, su diverse direttrici) e sembrano godere di buona salute, nei dintorni non esistono parafarmacie realmente concorrenziali per ubicazione e dimensioni.

Insomma, apparentemente tutte le condizioni per un rilancio della farmacia comunale esistono. E allora perché affidarsi a terzi così a buon mercato? Cosa impedisce di tentare la via del risanamento e fare sì che la farmacia diventi una risorsa anziché un (falso) problema?

Facebooktwittergoogle_plustumblrby feather

Domenica…… “Puliamo Seveso”

Puliamo Seveso

Le inclementi condizioni atmosferiche della scorsa settimana ci hanno costretto a rimandare la prevista iniziativa “Puliamo Seveso”, ma noi non molliamo MAI, e per domenica siamo di nuovo pronti a sporcarci le mani e raccogliere i rifiuti che deturpano la zona di via della Roggia.

L’invito a partecipare è aperto a tutti i cittadini, in particolare alle famiglie con bambini, per i quali vedere un genitore impegnato in questo tipo di attività, può essere anche occasione per una lezione di educazione civica.

Appuntamento dunque a domenica, 06 luglio, dalle ore 9.30 presso il parcheggio della Sadas/Despar per l’annuale evento “Puliamo Seveso”, con la speranza che in futuro questo tipo di eventi si rivelino sempre meno necessari.

Facebooktwittergoogle_plustumblrby feather